Perché odiamo tutti la Umbridge? Stephen King la definisce la miglior villain dai tempi di Hannibal Lecter

Perché odiamo tutti la Umbridge? Stephen King la definisce la miglior villain dai tempi di Hannibal Lecter

La Umbridge non è solo il personaggio più odiato di Harry Potter, ma in generale è anche uno dei personaggi letterari più odiati.
Ma perché? Cosa c’è nella Umbridge che la rende così disprezzata, ancor più di personaggi come Voldemort o Fenrir Greyback?
Logicamente, non ha senso, dato che qualcuno come Voldemort ha commesso crimini molto peggiori di quanto non abbia mai fatto lei.
Ma poi di nuovo, la logica raramente detta le emozioni.

Perché odiamo tutti la Umbridge? Stephen King la definisce la miglior villain dai tempi di Hannibal Lecter

L’odio per la Umbridge è sicuramente guidato dall’emozione. Evoca una profonda risposta viscerale difficile da spiegare. Quando si cerca di descrivere questo odio, non si tratta di azioni o crimini specifici, come con Voldemort e i suoi Mangiamorte, ma tutto sta nel modo in cui lei ci fa sentire.
Tuttavia, sebbene questo odio profondo sia difficile da giustificare con la logica, c’è un’altra ragione.

Voldemort è innegabilmente malvagio, ma è anche il cattivo di un romanzo fantasy.
Pochi di noi possono davvero relazionarsi con un mago terrorista malvagio e razzista che uccide i nostri genitori e poi cerca di ucciderci.
Questo non vuol dire che Voldemort non sia un buon cattivo, ma è il villain che esiste sulla pagina o sullo schermo più che nella vita di tutti i giorni.
Nessuno potrebbe avere familiarità con uno come lui.

Perché odiamo tutti la Umbridge? Stephen King la definisce la miglior villain dai tempi di Hannibal Lecter

La Umbridge, d’altra parte, è molto familiare.
Quasi tutti hanno avuto un’insegnante che odiavano perché era ingiusta (io ad esempio non posso non paragonarla alla mia ex professoressa di matematica), o perché ti puniva senza motivo, o perché si rifiutava di ascoltare qualsiasi punto di vista diverso dal suo.
In alternativa, la si potrebbe paragonare ad un qualsiasi impiegato statale.
Pensaci, qualcuno potrebbe avere o ha già avuto una qualsiasi esperienza con l’impiegato statale che sembra che in quel preciso momento sia nato o esista semplicemente per renderti la giornata più difficile, incapace di ascoltare qualsiasi cosa dici perché ha già preso una decisione su di te.
Quindi, quando la Umbridge appare sulla pagina o sullo schermo, tutti quei ricordi di quelle persone e la frustrazione, la rabbia e la paura che hanno causato emergono, creando un odio profondo.

Perché odiamo tutti la Umbridge? Stephen King la definisce la miglior villain dai tempi di Hannibal Lecter

Pertanto, la Umbridge, in termini di azioni, potrebbe non essere così in alto nella scala dell’immoralità, ma è il male comune e quotidiano che dobbiamo combattere durante la nostra vita.
Certo, non metterà fine al mondo, ma le persone come lei causano così tanto dolore e rabbia, e sono molto più difficili da distruggere.
Non c’è nessun incantesimo conveniente o battaglia climatica contro quel tipo di male.
Tutto questo rende facile odiarla.
Questo è anche il motivo per cui vedere punire la Umbridge è soddisfacente. Vederla portar via dai centauri è un momento di trionfo, sapendo che, almeno, non creerà problemi per un po’.
Persino Stephen King dopo l’uscita del quinto libro della saga, Harry Potter e L’Ordine della Fenice, uscì proprio con questa affermazione: Dolores Umbridge è il miglior villain di finzione dai tempi di Hannibal Lecter.

“Questo è decisamente un tiro da tre punti: un grande romanzo fantasy non può esistere senza un grande villain. E mentre Voi-Sapete-Chi (ovvio che si: Lord Voldemort) è un pochino troppo lanciato nel reame sovrannaturale per potersi qualificare, la nuova insegnante di Difesa Contro Le Arti Oscure di Hogwarts è perfetta in merito”.
“Con quella sua vocina, la faccia da rospo e quelle dita tozze e stringenti, è il miglior villain di finzione dai tempi di Hannibal Lecter. Uno non deve essere per forza un bambino perché gli torni in mente quell’insegnante davvero spaventosa, quella che ci terrorizzava così tanto che il timore si presentava già sulla strada per la scuola al mattino, e che voltando ferventemente pagina ci auguravamo in parte che ottenesse ciò che si meritava alla fine della storia, e in parte con la crescente paura di quello che avrebbe potuto fare dopo” spiegava il Maestro dell’Horror “Di sicuro, un’insegnante capace di impedire a Harry Potter di giocare a Quidditch è capace di tutto”.

Stephen King

Come dare torto a King? Specialmente quanto a portarla in vita in Harry Potter e L’Ordine della Fenice è un’attrice del calibro di Imelda Staunton, che ha saputo rendere al massimo tutte le sue peggiori caratteristiche?