Daniel Radcliffe ha detto no per un ritorno in “La Maledizione dell’erede” e ha ragione

Daniel Radcliffe ha detto no per un ritorno in "La Maledizione dell'erede" e ha ragione

Daniel Radcliffe ha recentemente espresso che non gli interessa tornare sul set per una versione cinematografica dell’opera teatrale di Harry Potter e la maledizione dell’erede e, francamente, ha ragione a evitarlo. 
Tutto è nato alla vigilia dello speciale Harry Potter 20esimo anniversario – Ritorno a Hogwarts, quando Columbus aveva espresso il desiderio di tornare sul set con il maghetto.
E mentre Redcliffe in un’intervista ha rilasciato che è un no secco ha aggiunto:

“Sono davvero felice di dove sono ora e tornare indietro sarebbe un cambiamento davvero troppo enorme per la mia vita. Mai dire mai, ma gli attori di Star Wars hanno aspettato 30-40 anni prima di tornare, mentre per me ne sono passati soltanto 10. Non è una cosa che mi interessa al momento.”

Con la speciale reunion di Harry Potter che riaccende la passione per la saga, insieme al prossimo film di Animali fantastici in uscita il 13 aprile è comprensibile che ci sia interesse per un adattamento cinematografico di Harry Potter e la maledizione dell’erede.
L’opera teatrale vincitrice del Tony Award è stata presentata per la prima volta al Palace Theatre di Londra il 30 luglio 2016.
Nonostante la Rowling abbia un’influenza creativa, la maledizione dell’erede considerato ufficialmente canonico fa cazzotti con la serie di libri originali. 
Lo spettacolo si svolge 19 anni dopo gli eventi di Harry Potter e i Doni della Morte e si concentra sulle avventure di viaggio nel tempo del figlio di Harry, Albus, e del figlio di Draco, Scorpius Malfoy, mentre cercano di aiutare Harry a correggere gli errori del passato. 
Le loro azioni hanno un effetto imprevisto sul futuro. Per esempio, salvare la vita di Cedric Diggory porterà Lord Voldemort a diventare Ministro della Magia.

Sebbene ci siano buone ragioni per un film su La Maledizione, potrebbe essere troppo presto per riportare Harry Potter e i suoi amici nella saga. 
Nonostante la loro performance di successo al botteghino, i film di Animali fantastici non stanno ricevendo un’accoglienza tanto positiva dal pubblico quanto i film originali di Harry Potter. 

FACEBOOK👉CiakQuiz.Potter👈
INSTAGRAM👉CiakQuiz.Potter👈
TELEGRAM👉CiakQuiz.Potter👈

Daniel Radcliffe ha detto no per un ritorno in "La Maledizione dell'erede" e ha ragione

Ultimamente, Radcliffe si è ramificato in ruoli diversi per evitare di essere ricordato esclusivamente come Harry Potter. 
Il film biografico di Radcliffe su Weird Al e The Lost City stanno entrambi ricevendo molta attenzione da parte dei media, promettendo bene per il futuro dell’attore. 
Dopo Harry Potter, i lavori di Radcliffe inclusero il surreale film drammatico Swiss Army Man — Un amico multiuso e la commedia d’azione neozelandese Guns Akimbo, in cui l’attore ha avuto l’opportunità di ampliare davvero le sue abilità. 
Sebbene Daniel Radcliffe sia affezionato al suo ruolo di Harry Potter, ha ragione nel permettere al personaggio di stabilirsi prima di tornare a interpretarlo.

Soprattutto ora che la reunion Ritorno a Hogwarts ha soddisfatto un appetito collettivo di Harry Potter in un modo che Animali fantastici non potrebbe, il franchise può sopportare di aspettare ancora un po’ prima di riportare i suoi attori più amati di nuovo sullo schermo. 
E chissà se invece Daniel Redcliffe abbia rifiutato perché come molti fan non ha apprezzato “La Maledizione dell’erede?”.