La storia del terribile nonno di Voldemort. Orvoloson Gaunt

La storia del terribile nonno di Voldemort. Orvoloson Gaunt

FACEBOOK👉CiakQuiz.Potter👈
INSTAGRAM👉CiakQuiz.Potter👈
TELEGRAM👉CiakQuiz.Potter👈

Marvolo Gaunt (vecchia trad. Orvoloson Gaunt) nacque nella casa purosangue di Gaunt e lui e i suoi figli, Morfin e Merope, furono tra gli ultimi discendenti viventi di Salazar Serpeverde . (Con la Maledizione dell’Erede “Canonico” l’ultima discendente è Delphini Riddle, la figlia di Voldemort e Bellatrix Lestrange).
Era un mago purosangue e il nonno materno di Tom Riddle (futuro Lord Voldemort) tramite sua figlia Merope.

La storia del terribile nonno di Voldemort. Orvoloson Gaunt

Secoli di consanguineità fecero fiorire povertà e una vena di instabilità, di conseguenza, lui e i suoi figli vivevano in una vecchia baracca in rovina vicino a Little Hangleton.
Nonostante la sua opinione di alta nascita, era conosciuto nel villaggio come un vagabondo.
Marvolo era un uomo violento e senza cervello, il rapporto con i suoi figli era terribile.
Sembrasse tollerare e mantenere una tenue relazione con suo figlio Morfin, molto fedele a suo padre e agli ideali della sua famiglia, mentre non aveva alcun rispetto per la figlia Merope che faceva solo cucinare e pulire.
Passava il suo tempo brandendo cimeli di famiglia, tra cui: Un medaglione e un anello che lodava più di ogni altra cosa.

Azkaban

La storia del terribile nonno di Voldemort. Orvoloson Gaunt

Morfin, essendo mentalmente squilibrato e poco attento alla segretezza, usava spesso la magia di fronte e contro i Babbani, con suo padre che approvava le sue azioni. Questo lo portò inevitabilmente in conflitto con il Ministero della Magia.
Quando il capo della squadra delle forze dell’ordine magiche, Bob Ogden, visitò i Gaunt per affrontare il problema, questi resistettero violentemente.
All’arrivo, Ogden rimase scioccato, si ritrovò trattenuto da Morfin con un coltello e una bacchetta puntata addosso, mentre gli parlava il Serpentese. (Che Bob Ogden ovviamente non capiva).
Morfin gli fece un incantesimo oscuro, facendogli fuoriuscire dal naso del pus.
Quando Ogden si riprese, si fece coraggio ed entrò nella fatiscente e sudicia baracca per intrattenne una conversazione con Marvolo.
Si accorse subito del deplorevole trattamento riservato a Merope e si affrettò a tirare fuori un piccolo rotolo di pergamena leggendo la convocazione del Ministero.
I Gaunt dovevano presentarsi in un’udienza con l’accusa di aver praticato magia davanti ai babbani e di aver usato un incantesimo oscuro nei confronti di Tom Riddle Sr (futuro padre di Voldemort).
La conversazione peggiorò la situazione, Marvolo entrò in una filippica su come la loro famiglia fosse “superiore” perché di “Sanguepuro” e solo per questo motivo non doveva essere convocata da nessuno.
Ogden, consapevole che la conversazione non l’avrebbe portato a nulla, si alzò e indicandogli l’ora e la data di udienza si affrettò ad andarsene.
Improvvisamente, Marvolo iniziò a parlare con i figli il serpentese e in uno scatto di ira si avventò sulla figlia e iniziò a soffocarla.
Ogden, preoccupato per l’incolumità della ragazza, scagliò uno schiantesimo scaraventando Marvolo all’indietro, ma Morfin cominciò a scagliargli addosso una serie di malefici costringendo Ogden a scappare per salvarsi la vita.
Il poveretto durante la fuga, fu investito da una carrozza guidata da Tom Riddle Sr, ma dopo un breve momento di disorientamento si smaterializzò tornando al Ministero e tornando a casa Gaunt dopo 15 minuti con i rinforzi.
Marvolo Gaunt fu dichiarato colpevole a tutti gli effetti e, tra la metà e la fine del 1925, fu condannato a sei mesi di reclusione.
Suo figlio fu condannato a tre anni di reclusione.

Morte di Marvolo

Quando Marvolo divenne di nuovo un uomo libero e tornò a Little Hangleton, era convinto che la figlia Merope stesse aspettando il suo ritorno con un buon pasto caldo.
Invece, quando tornò, la baracca era vuota, trovò soltanto una lettera di Merope che lo avvisava che si era sposata.
Quando venne a conoscenza che suo genero era uno “sporco babbano”, non volle mai più menzionare il suo nome e tanto meno la sua esistenza.
Non si sa se Marvolo e Tom Riddle Senior si fossero mai incontrati di persona, ma anche lui fu una delle cause della morte prematura di Marvolo, altri fattori includevano il fatto che fosse molto indebolito dal tempo trascorso in prigione e che forse non abbia mai imparato a nutrirsi da solo (visto che fu sempre servito e riverito dalla figlia).
La data precisa della morte di Marvolo è sconosciuta, ma Morfin Gaunt ne parlò quando lui stesso fu rilasciato dal carcere.
Quando tornò a Little Hangleton, trovò il cadavere di suo padre nella baracca.
Non si sa cosa sia successo al cadavere di Marvolo dopo la sua morte, tuttavia è probabile che Morfin Gaunt abbia cercato i servizi di una casa funebre Babbana e abbia seppellito i resti terreni di suo padre nel cimitero di Little Hangleton.
Dopo la morte di Marvolo, l’anello fu indossato dal figlio Morfin.

Etimologia

  • Il nome Marvolo potrebbe avere le sue radici dal latino ” malivolo “, che si traduce con precisione in “malevolo”. Potrebbe anche derivare da Malvolio, il nome di un personaggio della dodicesima notte di William Shakespeare.
    Malvolio era un puritano che disprezzava ogni tipo di divertimento e gioco, forse alludendo all’estremo pregiudizio e alla crudeltà di Marvolo.

Dietro le quinte

  • Il nome “Marvolo” cambia in alcune traduzioni in modo che l’anagramma “TOM MARVOLO RIDDLE” possa essere tradotto.
  • Il flashback di Marvolo Gaunt che Silente mostra a Harry non compare nell’adattamento cinematografico di Harry Potter e il principe mezzosangue, probabilmente per restrizioni temporali. Tuttavia, è stato incluso nella bozza originale della sceneggiatura.
  • Nel sesto film, Albus Silente dice che l’anello di Marvolo apparteneva a sua figlia, ma in una scena eliminata del film successivo, Harry dice che l’anello apparteneva a Marvolo e il medaglione a Merope.