Ecco 6 personaggi che dimostrano che Serpeverde non è una casa “malvagia”

Ecco 6 personaggi che dimostrano che Serpeverde non è una casa "malvagia"

Identificarsi con una casa di Hogwarts è diventato un luogo comune quasi quanto conoscere il proprio segno zodiacale. 
E proprio come con l’astrologia, ogni casa ha degli stereotipi associati a quelli che sono ordinati al loro interno. 
Delle quattro case di Hogwarts, Serpeverde è quella associata a tratti negativi ed è ampiamente considerata malvagia. C’è sicuramente del vero in questa affermazione, ma ci sono anche una miriade di personaggi che dimostrano che Serpeverde non è così unidimensionale come si crede.
Ecco sei di questi personaggi.

Regulus Arcturus Black

Ecco 6 personaggi che dimostrano che Serpeverde non è una casa "malvagia"

Il fratello meno noto di Sirius Black potrebbe aver incarnato le parti peggiori di Serpeverde in gioventù, ma la sua redenzione ha rivelato un’anima pura come qualsiasi altra. Regulus da bambino, ha inghiottito completamente gli insegnamenti dei suoi genitori sulla superiorità dei purosangue e si è arruolato con i Mangiamorte all’età di 16 anni.
Quando è maturato e ha appreso ciò che i Mangiamorte rappresentavano veramente, ha disertato dai loro ranghi.

Dall’interno, Regulus si rese presto conto di quanto fosse un’organizzazione contorta, ma la goccia che fece traboccare il vaso, fu l’insensibilità di Voldemort nei confronti del suo amato elfo domestico, Kreacher. Quando lasciò i Mangiamorte, Regulus rubò uno degli Horcrux di Voldemort e incaricò Kreacher di distruggerlo.
La sua genuina compassione per gli elfi domestici, che molti maghi consideravano esseri inferiori, dimostrò che Regulus era un uomo gentile.

Narcissa Malfoy

Ecco 6 personaggi che dimostrano che Serpeverde non è una casa "malvagia"

Narcissa Malfoy non era una Mangiamorte, ma ha comunque sostenuto tranquillamente ciò che rappresentavano. 
Dato che era nata nella famiglia Black e aveva sposato Lucius Malfoy, un attivo Mangiamorte, non sembrava avere molta voce in capitolo. 
Il regno di Voldemort non l’ha mai influenzata personalmente, quindi era abbastanza contenta di tenere la testa bassa e vivere una vita il più tranquilla possibile.

Quando Voldemort tornò per la seconda volta, la sua situazione cambiò completamente. Per eludere l’arresto quando scomparve, i Malfoy negarono ogni coinvolgimento con Voldemort o i suoi Mangiamorte. 
Voldemort non prese bene il tradimento e i Malfoy persero la buona reputazione che avevano in precedenza. Lei e la sua famiglia furono trattati con noncuranza tra i Mangiamorte e, alla fine, questo portò Narcissa a tradire Voldemort. 
Quando Voldemort le chiese di confermare la morte di Harry Potter, mentìo, concedendo a Harry l’elemento sorpresa che portò alla sua vittoria nel loro duello finale.

Horace Lumacorno

Ecco 6 personaggi che dimostrano che Serpeverde non è una casa "malvagia"

Uno dei tratti distintivi della casa dei Serpeverde è l’ambizione e nessun personaggio lo incarnava meglio di Horace Lumacorno. 
Precedentemente un maestro di pozioni a Hogwarts, Lumacorno creò un club sociale durante la sua permanenza. 
“Il Lumaclub ” potrebbe essere stato creato per motivi egoistici, ma permise a diversi brillanti studenti di Hogwarts di fare carriera. 
Avere dei maghi così influenti in debito con lui non fece male neanche a Lumacorno.

Sebbene Lumacorno fu colui che spiegò gli Horcrux a Tom Riddle , non lo fece assolutamente con l’intenzione di motivare il giovane a crearli. 
Era pieno di così tanta vergogna per quell’incidente che alterò i suoi ricordi prima di condividerli con Silente per salvare la sua reputazione. 
Alla fine, Lumacorno divulgò la verità quando apprese quanto sarebbe stato importante nella lotta contro Voldemort. 
Rimase fedele dalla parte del bene, nonostante la crescente pressione dei Mangiamorte e combatté coraggiosamente durante la battaglia di Hogwarts. 
Lumacorno fu davvero un ammirevole Capocasa Serpeverde.

Andromeda Black in Tonks

Ecco 6 personaggi che dimostrano che Serpeverde non è una casa "malvagia"

Andromeda Tonks fu un altro personaggio che dimostrò che non era necessario essere legati al loro lignaggio. 
Nata come membro della famiglia purosangue Black, Andromeda non aveva mai creduto ai loro ideali di supremazia del sangue. 
Dopo essersi laureata a Hogwarts, Andromeda si innamorò e sposò un mago di origine Babbana, Ted Tonks. 
La sua decisione di seguire il suo cuore la portò a essere scomunicata dalla madre e rimossa dall’albero genealogico dei Black.

Andromeda non ebbe mai ripensamenti sulla sua decisione.
Piuttosto, era incoraggiata a combattere contro gli ideali sostenuti da Voldemort e dalla sua famiglia.
Non era un membro ufficiale dell’Ordine della Fenice, ma li sostenne come meglio poté, dando all’ordine l’uso della sua casa. Nonostante i suoi migliori tentativi di prendere le distanze dal resto della famiglia Black, non poteva nascondere la sua somiglianza con Bellatrix e veniva spesso scambiata per sua sorella Mangiamorte.

Merlino

Ecco 6 personaggi che dimostrano che Serpeverde non è una casa "malvagia"

Probabilmente uno dei maghi più famosi di Serpeverde, Merlino era anche uno dei più grandi maghi d’Inghilterra. 
I suoi giorni di scuola si sovrapponevano a quelli di Salazar Serpeverde a Hogwarts, quindi potrebbe essere stato istruito dallo stesso fondatore. Tuttavia, le sue opinioni sui Babbani erano piuttosto diverse da quelle di Salazar Serpeverde.

Formò un’organizzazione nota come l’Ordine di Merlino, che mirava a proteggere i Babbani dai maghi promuovendo i diritti dei Babbani e creando regole di ingaggio per i maghi che vivevano tra loro. Dopo la morte di Merlino, l’Ordine di Merlino fu cambiato in un premio assegnato a streghe e maghi che avevano compiuto un’azione eroica o contribuito in modo significativo alla società dei maghi.

Severus Piton

Ecco 6 personaggi che dimostrano che Serpeverde non è una casa "malvagia"

Severus Piton è la prova che una persona può essere un essere umano completamente sgradevole senza essere però malvagio. 
Dal bullismo letterale ai bambini al favorire la sua casa rispetto a tutte le altre, il comportamento di Piton come insegnante era tutt’altro che giusto, eppure Voldemort non sarebbe morto senza il suo aiuto.

Piton si unì ai Mangiamorte di sua spontanea volontà e partecipò alle loro attività volontariamente finché non si rese conto che Lily Potter, l’oggetto del suo amore, era diventata uno degli obiettivi di Voldemort. 

Quando Voldemort la uccise, Piton iniziò a passare informazioni sensibili sul Signore Oscuro a Silente. 
Quando Voldemort fu risorto per la seconda volta, Piton riprese il suo ruolo di doppiogiochista e fu una parte centrale del piano di Silente per impedire che la Bacchetta di Sambuco cadesse nelle mani di Voldemort.

Per onorare la memoria di Lily, Piton protesse silenziosamente Harry Potter durante la sua permanenza a Hogwarts e oltre. 
Salvò Harry durante la sua prima partita di Quidditch e gli consegnò la Spada di Grifondoro nella Foresta di Dean. 
Il suo odio per James Potter non gli permise di abbracciare Harry con tutto il cuore, ma Piton non era comunque uno che faceva amicizia con gli studenti.