Ecco perché Voldemort nei film non ha gli occhi rossi

Ecco perché Voldemort nei film non ha gli occhi rossi

Il mago oscuro Voldemort aveva un design visivo notevolmente diverso nei film rispetto ai libri, ma questo cambiamento lo ha reso un antagonista molto più inquietante. 
Interpretato da diversi attori, ma in particolare da Ralph Fiennes, Voldemort con le sue idee alimentate dal bigottismo era l’antagonista principale.
Fiennes ha chiesto che fosse apportata una modifica specifica alla versione finale del suo personaggio, e questa modifica ha reso Voldemort molto più inquietante, sia visivamente che simbolicamente.

Voldemort, precedentemente noto come Tom Riddle, era ossessionato dall’idea di preservare la propria vita a tutti i costi. 
Quando Riddle ascese per diventare il mago più temuto del mondo, si assicurò l’immortalità attraverso l’uso degli Horcrux. 
Commettendo omicidi, Riddle frammentò la sua anima in oggetti di valore, ma il processo gli causò ulteriori effetti collaterali. 
Oltre a devastare il suo io esoterico, la creazione di Horcrux da parte di Voldemort deformò il suo aspetto fisico, trasformandolo in un essere mostruoso il cui aspetto rifletteva la sua malizia.

FACEBOOK👉CiakQuiz.Potter👈
INSTAGRAM👉CiakQuiz.Potter👈
TELEGRAM👉CiakQuiz.Potter👈

Ecco perché Voldemort nei film non ha gli occhi rossi

I libri di Harry Potter descrivono la graduale trasformazione visiva di Riddle quando diventa il famigerato Lord Voldemort. 
Questo è il risultato nell’aver abusato della magia Oscura creando i suoi Horcrux, la pelle gli divenne mortalmente pallida e i suoi occhi rossi sembravano iniettati di sangue. 
Questo era l’aspetto di Voldemort durante la Prima Guerra dei Maghi. 
Quando il suo corpo venne resuscitato durante il quarto anno scolastico di Harry Potter, Voldemort apparve meno umano, con occhi rossi con la pupilla verticale, il volto pallido, con due fessure per narici, privo di capelli, simile a un teschio.
Inizialmente Ralph Fiennes avrebbe dovuto eguagliare questa apparizione nell’adattamento cinematografico in Harry Potter e il calice di fuoco, ma chiese di mantenere i suoi naturali occhi azzurri nel montaggio finale, una decisione che si rivelò vantaggiosa.

Ecco perché Voldemort nei film non ha gli occhi rossi

Con occhi umani, Voldemort sembrava un cattivo molto più inquietante. 
Mentre nella versione del libro, Voldemort assume gradualmente un aspetto mostruoso per eguagliare l’orrore delle sue atrocità, l’iterazione del film mantiene un aspetto dell’umanità di Riddle, anche nella sua forma finale. 
Senza contatti o miglioramenti CGI, Fiennes poteva esprimere molto di più le sue emozioni come Voldemort, ma c’era un ulteriore vantaggio. 
Avere Voldemort più simile a un mostro che a un uomo rendeva fin troppo facile dimenticare le sue origini. 
Avere un essere simile a un cadavere rettiliano con occhi umani era molto più inquietante, poiché si poteva vedere l’uomo che era una volta, e Riddle era più spaventoso come umano che come mostro.
L’aspetto umano di Riddle nascondeva una malizia omicida mentre scopriva i segreti degli Horcrux e uccideva spietatamente delle persone nella sua ricerca dell’immortalità.
La giustapposizione degli occhi azzurri e umani di Voldemort con il suo aspetto disumano nella maggior parte dei film, lo ha reso un cattivo molto più inquietante.