Ecco se il tessuto del Velo nella Stanza della Morte è davvero lo stesso del Mantello dell’Invisibilità

Ecco se il tessuto del Velo nella Stanza della Morte è davvero lo stesso del Mantello dell'Invisibilità

Il mondo magico di Harry Potter è pieno di misteri unici e domande senza risposta, suggerendo una storia profonda e mistica che il pubblico non ha mai avuto la possibilità di esplorare completamente. 
Uno dei più duraturi dalla sua introduzione è il Velo nascosto all’interno del Ministero della Magia, con il suo tessuto misterioso che sembra fungere da porta tra il mondo dei vivi e quello dei morti.

Ma lo stesso tessuto nel Velo potrebbe essere apparso altrove nella serie come uno degli strumenti più importanti di Harry: il Mantello dell’Invisibilità che ha avuto dagli eventi di Harry Potter e la Pietra Filosofale.

FACEBOOK👉CiakQuiz.Potter👈
INSTAGRAM👉CiakQuiz.Potter👈
TELEGRAM👉CiakQuiz.Potter👈

Ecco se il tessuto del Velo nella Stanza della Morte è davvero lo stesso del Mantello dell'Invisibilità

Il velo rimane un elemento unico ed enigmatico nel mondo dei maghi. 
Introdotto in Harry Potter e l’Ordine della Fenice, il Velo è all’interno del Dipartimento dei Misteri. Situato nel cuore del Ministero della Magia, nella Stanza della Morte, è stato trovato da Harry e dai suoi alleati durante i loro tentativi di sfuggire ai Mangiamorte. 
Mentre la maggior parte del gruppo poteva vedere solo il Velo e non ne era in gran parte influenzata, Harry e l’eccentrica Luna Lovegood erano entrambi attratti dal suono delle voci che emanava da esso. Considerando che questi due erano gli unici che potevano vedere i Thestral (creature viste solo da coloro che hanno assistito alla morte), questo suggerisce che il Velo era effettivamente collegato con l’aldilà – con chiunque entri in contatto con il Velo che muore all’istante.

Ecco se il tessuto del Velo nella Stanza della Morte è davvero lo stesso del Mantello dell'Invisibilità

È possibile, tuttavia, che parte del Velo fosse stata presente nel corso di Harry Potter e nessuno se ne sia accorto. 
Una teoria ha potenzialmente legato il velo al mantello dell’invisibilità di Harry, suggerendo che in realtà è lo stesso materiale. Mentre nell’universo esistono altri Mantelli dell’Invisibilità, Harry Potter e i Doni della Morte hanno rivelato che il mantello di Harry era presumibilmente uno dei tre antichi strumenti conosciuti come i Doni della Morte, lasciati in eredità al suo antenato dalla Morte stessa come parte di un patto.

La leggenda narra che il mantello fu donato dalla Morte a Ignotus Peverell e che l’utilizzatore sotto di esso sia in grado di eludere la vista anche della Morte stessa. 
Mentre questo mito è diventato famoso nel mondo magico, alcuni (come Silente) credevano che fosse semplicemente l’invenzione di un mago dotato, Ignotus Peverell, l’antenato di Harry. 
Tuttavia, nessuna delle due teorie è stata confermata in un modo o nell’altro. Ma il fatto che il Mantello sia in grado di nascondere chiunque al suo interno potrebbe spiegare perché il corpo di Sirius Black non è stato in grado di essere recuperato dopo essere caduto nel velo, scomparendo alla vista sia nel film che nella versione del libro. In un certo senso, il suo corpo è stato reso invisibile una volta per tutte.

È un concetto interessante e che lega il Velo un po’ più vicino alla storia generale di Harry Potter. 
Come solo il velo, il monumento ha poco scopo reale nella storia. Ma se il tessuto del Velo è davvero lo stesso del Mantello dell’Invisibilità, allora serve tranquillamente a prefigurare la sua eventuale scoperta sul proprio Mantello. 
È uno dei pezzi della tradizione di Harry Potter che deve ancora essere completamente approfondito, un aspetto che potrebbe avere molteplici significati e ramificazioni se fosse vero.