Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta…ma chi sono gli Animagus?

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

Un Animagus è un mago o una strega che può trasformare sé stesso in uno specifico animale senza l’ausilio di un incantesimo o della bacchetta. A differenza di ciò che accade con il Metamorfomagus, tale abilità non è ereditaria.

FACEBOOK👉CiakQuiz.Potter👈
INSTAGRAM👉CiakQuiz.Potter👈
TELEGRAM👉CiakQuiz.Potter👈

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

Solo stregoni molto potenti e qualificati sono in grado di diventare Animagi. Il processo è lungo, arduo e non privo di rischi, infatti, la trasformazione può fallire o peggio ritorcersi contro lo sventurato neofita, con terribili conseguenze. Tuttavia, una volta che la formazione è completata, un Animagus può cambiare a piacimento in qualsiasi momento, con o senza bacchetta.

A causa della complessità della magia richiesta per diventare Animagus, maghi e streghe con questa abilità sono davvero rari, non è escluso che per sviluppare questa abilità sia necessaria anche una naturale predisposizione, altrimenti, non si spiegherebbe perché stregoni potenti come Albus Silente e Lord Voldemort non fossero degli Animagi, mentre studenti inesperti, come Sirius BlackJames Potter e Peter Minus, acquisirono questa capacità in tempi relativamente brevi

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

Un Animagus può trasformarsi in un solo animale e questo non viene scelto dal mago ma è determinato dalla sua personalità e dai suoi tratti innati. Inoltre, ogni Animagus, quando assume la forma animale, è contraddistinto da un “marchio di identificazione” che è causato da un tratto caratteristico del suo corpo umano. Questa può essere una peculiarità fisica, come la struttura dentale, oppure un tratto acquisito, come gli occhiali. Ad esempio, sia Minerva McGranitt sia Rita Skeeter, nella loro forma animale, hanno intorno agli occhi particolari striature che riproducono i loro occhiali, mentre Peter Minus, che è calvo, quando si trasforma in Crosta ha il manto spelacchiato. Infine, se un Animagus subisce un importante cambiamento fisico, come la perdita di un arto, manterrò tale menomazione anche nella forma animale, come Peter Minus quando assume le sembianze di Crosta.
Non è noto se gli Animagi possano assumere la forma di una creatura magica.

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

L’Incanto Homosembiante costringe un Animagus ad abbandonare la sua forma animale. Nel 1994 Remus Lupin e Sirius Black hanno usato questo sortilegio per forzare Peter Minus a lasciare la sua forma di ratto

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

Ogni Animagus è tenuto a registrarsi presso il Ministero della Magia all’Ufficio Uso Improprio della Magia. Nella richiesta di iscrizione al registro, il mago o la strega dovrà chiaramente indicare qual è la propria forma animale, specificando anche il tratto distintivo caratterizzante, ad esempio le striature a forma di occhiali che contraddistinguono Minerva McGranit quando assume le sembianze di un gatto. Il registro è disponibile al pubblico.

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

La ragione principale per cui il Ministero ha istituito questo registro è di garantire che gli Animagi non abusino della loro abilità grazie ad un rigoroso controllo ministeriale. Ad esempio Sirius Black, che era un Animagus non registrato, è stato in grado di usare la propria forma animale per fuggire da Azkaban, se al contrario fosse stato iscritto al registro il Ministero ne avrebbe tenuto conto ed avrebbe istituito apposite misure di sicurezza.
La sanzione per la mancata registrazione come Animagus è l’incarceramento ad Azkaban, per un periodo di tempo variabile.

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

La differenza tra la Trasfigurazione e la capacità di un Animagus è che lo stregone che ha appreso questa difficile arte può trasformarsi in un animale, quando vuole, senza l’ausilio di una bacchetta o un incantesimo. Inoltre, un individuo trasfigurato sarà in tutto e per tutto una bestia, ossia perderà ogni caratteristica umana, invece un Animagus continuerà a pensare ed agire come un uomo anche nella sua forma animale. Per esempio Rita Skeeter è stata in grado di intercettare le conversazioni quando era in forma di uno scarabeo e poi se n’è servita per scrivere i suoi infamanti articoli.

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

È anche importante notare che un lupo mannaro è fondamentalmente diverso da un Animagus. La licantropia, infatti, è causato da un’infezione del sangue trasmessa attraverso il morso di un lupo mannaro o per via ereditaria, mentre l’abilità trasformarsi volontariamente in un animale è appreso.
I lupi mannari non possono mantenere le proprie capacità mentali, dopo la metamorfosi (a meno che prendere la Pozione Antilupo), né possono controllare la trasformazione, mentre gli Animagi possono fare entrambe le cose. Un Animagus nella sua forma animale può avvicinare un lupo mannaro senza correre rischi, il motivo non è spiegato chiaramente, tuttavia ciò è provato dal fatto che Sirius Black, James Potter e Peter Minus sono diventati Animagi proprio per poter stare vicino al loro amico licantropo, Remus Lupin, durante il plenilunio.

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

Nei libri di Harry Potter la forma animale di tutti gli Animagi è uguale al loro Patronus. Tuttavia, non è detto espressamente che ciò debba accadere per tutti gli Animagi, anche perché è risaputo che il Patronus può mutare nel corso della vita, a causa di situazioni sconvenienti come una grave lutto o un grande amore.

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

Un Animagus ha anche la capacità di comunicare con gli animali normali. Sembra che vi sia una chiara comprensione reciproca, tuttavia ma la reale entità e la qualità di questa comunicazione non è nota. Ad esempio, Sirius Black, sotto le sembianze di un cane nero di nome Felpato, è stato in grado di comunicare con Grattastinchi, il gatto di Hermione Granger. Come pure, Peter Minus raccolto delle indicazioni fornitegli dai ratti che era in viaggio attraverso l’Albania in cerca di Lord Voldermort.

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

Probabilmente i vestiti di un Animagus sono incantati in modo da rimanere attaccati alla forma umana, in quanto essi spariscono quando il mago si trasforma in animale e riappaiono quando pone in essere il processo inverso.
Tuttavia, non è escluso che ognuno decida all’atto della trasformazione se mantenere stregare gli abiti o meno, inoltre, quando la metamorfosi avviene in modo repentino (ad esempio per fuggire o per nascondersi), è possibile che l’Animagus non abbia il tempo di scegliere ed abbandoni gli abiti per salvare sé stesso.
Come accade a Peter Minus che, quando Remus Lupin viene colpito dai raggi della luna piena e si trasforma in lupo mannaro, costringendo Sirius Black ad affronta per proteggere Harry, Ron e Hermione, coglie l’occasione al volo e cambia forma lasciando i suoi vestiti nel parco di Hogwarts, vicino al Platano Picchiatore.

Felpato, Ramoso, Codaliscia, Lunastorta...ma chi sono gli Animagus?

Nella storia di Baba Raba e il Ceppo Ghignante delle Fiabe di Beda il Bardo la protagonista Baba Raba la lavandaia del Re, fa uso di questa straordinaria abilità, per sfuggire ai cacciatori di streghe, trasfigurandosi in un coniglio senziente. Naturalmente la storia non può essere molto attendibile: infatti, la strega parla mentre è trasformata nella sua forma animale.
Però, questo racconto potrebbe essersi ispirato alla famosa fattucchiera francese Lisette de Lapin, condannata a Parigi nel 1422 per stregoneria. Con grande meraviglia dei suoi carcerieri babbani, che furono accusati di averla aiutata a scappare, Lisette sparì dalla propria cella la notte prima dell’esecuzione. Non è mai stato provato che Lisette fosse un Animagus e che sia riuscita a passare attraverso le sbarre della finestra della cella, ma poco tempo dopo fu visto attraversare la Manica a bordo di un calderone sul quale era issata una vela un grosso coniglio bianco, e in seguito simile coniglio divenne un fidato consigliere alla corte di Enrico VI.