La tomba di Dobby in Cornovaglia potrebbe essere rimossa per ragioni ambientali

La tomba di Dobby in Cornovaglia potrebbe essere rimossa per ragioni ambientali

La popolarità del personaggio creato dalla Rowling è tale che la sua (falsa) tomba, in Galles, minaccia l’ambiente e le strutture circostanti, secondo il National Trust Wales.

Dobby potrebbe non avere più un padrone, ma ha milioni di ammiratori in tutto il mondo. Il famoso elfo della saga di Harry Potter, che riposa (immaginariamente) sulla spiaggia di Freshwater West, nel Pembrokeshire (Galles), dove è stato girato il suo funerale, riceve quotidianamente visite da decine di fan che desiderano rendergli omaggio. Calzini, fiori, sassi… i doni per la creatura immaginaria affluiscono, spesso ornati dalle scritte “RIP Dobby” e “Qui giace Dobby, un elfo libero”.

“Che posto meraviglioso per stare con gli amici”

La tomba di Dobby in Cornovaglia potrebbe essere rimossa per ragioni ambientali

Queste manifestazioni d’amore, sebbene ben intenzionate, indeboliscono l’ambiente costiero. Il National Trust Wales ha messo online un sondaggio in cui ai cittadini viene chiesto di esprimere la propria opinione sull’opportunità o meno di preservare la tomba di Dobby. Se quest’ultima idea dovesse essere mantenuta, la sepoltura dell’elfo potrebbe quindi essere spostata in un luogo inaccessibile al pubblico.

La tomba di Dobby in Cornovaglia potrebbe essere rimossa per ragioni ambientali

Il sondaggio pone una trentina di domande su come preservare al meglio Freshwater West. La circolazione, il parcheggio o la presenza di servizi igienici sono quindi soggetti alla deliberazione di chiunque si senta interessato dal soggetto. L’unico modo, forse, per salvaguardare “un posto magnifico dove stare con gli amici”, come ha detto l’ultimo compagno di Harry Potter nel suo ultimo respiro.

Harry Potter, vera leggenda nel Regno Unito

Dall’uscita del primo capitolo della saga creata dalla Rowling, nel 1997, la community dei fan continua a crescere. Nel 2016, Harry Potter e la maledizione, l’ottavo libro della serie, è diventato il libro più venduto del decennio nel Regno Unito, detronizzando Cinquanta sfumature di grigio nel processo. In quattro giorni, il libro aveva venduto 680.000 copie.

Un successo che non risparmia la capitale britannica, ricca di musei e altre rappresentazioni dell’eroe occhialuto. L’autore, oggi controverso, si è ispirato anche a diversi monumenti londinesi per raccontare le avventure di Hermione Granger e delle sue amiche. Diagon Alley prende così come sfondo le facciate del Leadenhall Market di La City, mentre la famosa banca Gringotts rappresenta in realtà l’Ambasciata Australiana, edificio che si può ammirare su Strand Street. Tanti luoghi emblematici, testimoni di un amore appassionato tra il pubblico e la serie, che attirano ancora tanti fan. A rischio di distruggerne una parte.