Ricordi “La storia dei tre fratelli”, che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

La morte può essere manipolata, imbrogliata, umiliata o conquistata? Anche nel mondo della magia e della stregoneria, la morte è considerata inevitabile. Ma c’è una storia in “Le fiabe di Beda e il Bardo”, che parla dei tre elementi che sono conosciuti insieme come i Doni della Morte.
Ma conosciamo meglio e vediamo il significato e l’analisi de Il racconto dei tre fratelli Peverell.

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

La storia tratta di tre fratelli maghi che sconfissero la morte costruendo un ponte sopra un fiume pericoloso. Prima che potessero attraversarlo, però, apparve la Morte che si sentì imbrogliata, ma fingendo di congratularsi con i tre fratelli, diede a ciascuno di loro un dono.
Astuta, cercò di farli cadere nella sua trappola…

Il primo fratello fu Antioch Peverell

Antioch Peverell

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

Antioch Peverell, nacque prima del 12 luglio 1214, era un mago purosangue e il maggiore dei fratelli Peverell . Antioch, come i suoi fratelli, era abile nelle arti magiche, ma personalmente veniva descritto come un “uomo combattivo”.
Era un uomo che desiderava oltre ogni cosa essere un mago onnipotente, il suo desiderio era tale che lo rese cieco.
L’ incoscienza e l’egoismo di Antioch fece sì che fu il primo a cadere nelle mani astute della Morte.

Incontro con la morte con Antioch Peverell

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

Antioch, per il suo premio, chiese ” una bacchetta più potente di qualsiasi bacchetta esistente: una bacchetta che doveva sempre vincere duelli per il suo proprietario, una bacchetta degna di un mago che aveva vinto la Morte! ” e così la Morte attraversò un albero di Sambuco sulle rive del fiume, fece di un ramo una bacchetta e la diede ad Antioch.

Con la bacchetta, Antioch viaggiò verso un villaggio lontano e incontrò un mago con il quale ebbe una lite. Con la Bacchetta di Sambuco come arma, Antioch vinse facilmente il duello uccidendo il suo avversario.
Successivamente, alloggiò in una locanda per festeggiare e ubriaco si vantò ad alta voce della bacchetta che aveva strappato alla “Morte Stessa” e di come questa lo rendesse invincibile.
Un mago sconosciuto, sentì per caso il suo racconto e invidioso del potere della bacchetta, attese finché Peverell, ubriaco di vino, si addormentò. Scivolando nella sua stanza, il mago rubò la bacchetta e tagliò la gola a Peverell per assicurarsi che non fosse seguito.
Non si sa cosa sia successo a questo mago in seguito, anche se probabilmente subì la stessa sorte di Antioch e fu ucciso da un altro per il possesso della Bacchetta di Sambuco.

Dopo la sua morte, Antioch fu sepolto nel sagrato della chiesa di San Girolamo a Godric’s Hollow.

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

Cadmus Peverell

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

Cadmus Peverell era il secondo dei fratelli Peverell. Come i suoi fratelli, era abile nelle arti magiche, ma personalmente veniva descritto come un “uomo arrogante”, poiché quando gli fu offerto un dono dalla Morte, scelse un oggetto che credeva umiliasse ulteriormente la Morte. 
Ma è possibile che la vera personalità di Cadmus fosse più nobile della sua rappresentazione nel racconto, dal momento che gli spiriti evocati dalla Pietra della Resurrezione erano in grado di proteggere i suoi utenti dall’influenza di creature oscure come i Dissennatori.

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

All’inizio della sua vita, Cadmus si innamorò di una donna e i due si fidanzarono decidendo di sposarsi. Tuttavia, lei morì prima che questa unione potesse aver luogo.
Cadmus, chiese una pietra che avesse il potere di riportare in vita i morti, che la Morte gli fornì.
Quando tornò a casa la usò per far rivivere la sua amata. Ma scoprì presto che la sua amata tornò triste e fredda, e lui si sentì come se un velo li separasse ancora.
Impazzito Cadmus si suicidò per ricongiungersi veramente con il suo amore perduto.

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

Nonostante la morte della sua fidanzata, è certo che Cadmus ebbe un erede; non è noto se fosse con questa donna o con un’altra donna, poiché la famiglia Gaunt era discendente diretta di Cadmus.
La Pietra della Resurrezione fu incastonata in un anello, che fu tramandato attraverso la famiglia Gaunt, e alla fine fu trasformato in un Horcrux da Tom Riddle , un lontano discendente di Cadmus.
Come nel caso del Fratello Antioch, non è chiaro se Cadmus abbia effettivamente ottenuto la Pietra della Resurrezione dalla Morte in quanto Albus Silente credeva che fosse più probabile che Cadmus e i suoi fratelli avessero creato loro stessi i tre Doni.
Una teoria dei fan è che fu Cadmus ha realizzare la Pietra della Resurrezione in quanto quando tentò di riportare indietro la sua amata girò la pietra nella sua mano per tre volte, nonostante la Morte non gli avesse mai detto come usarla.

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

Dopo la sua morte, come suo fratello Antioch fu sepolto nel sagrato della chiesa di San Girolamo a Godric’s Hollow.

Ignotus Peverell

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

Poco si sa del terzo fratello, Ignotus Peverell. Si sa che Nacque il 12 luglio 1214 nel villaggio di Godric’s Hollow nel West Country.
Ignotus, era il più giovane dei tre fratelli, il più umile e il più saggio di loro. Era sopravvissuto agli astuti schemi della Morte grazie a questi tratti
Ricevette l’ultimo dei Doni della Morte, il Mantello dell’Invisibilità, che fu tramandato attraverso la sua famiglia alla famiglia Potter, e infine a Harry Potter.

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?


Ignotus preferì una vita piuttosto gioiosa e pacifica, a differenza dei suoi fratelli. In quanto tale, visse per molti anni senza litigi o preoccupazioni. Si sposò e ebbe una famiglia, preoccupandosi che l’ultima da fare fu quella di passare il mantello a suo figlio, garantendo che i suoi futuri discendenti potessero vivere lunghe vite felici come lui, e quando alla fine lasciò il mondo mortale con la Morte, Ignotus non ebbe nessun rimpianto.

Ricordi "La storia dei tre fratelli", che introduce gli artefatti magici noti come Doni della Morte?

Ebbe un figlio e una nipote Iolanthe , che sposò Hardwin Potter.
La nipote, Iolanthe Peverell era una strega, a causa della mancanza di eredi maschi, ereditò lei il Mantello dell’Invisibilità da suo nonno. Dopo il suo matrimonio con Hardwin Potter, chiese al marito che il Mantello dell’Invisibilità della sua famiglia fosse trasmesso, secondo la tradizione, a ogni primo erede della nuova generazione e che fosse tenuto segreto. Hardwin onorò la tradizione della sua famiglia e, da quel momento in poi, il mantello passò al figlio maggiore di ogni nuova generazione della famiglia Potter.
Henry Potter, membro del Wizengamot dal 1913 al 1921 e bisnonno di Harry Potter, era un discendente diretto di Hardwin e Iolanthe.

Ignotus visse fino a settantasei anni, morendo il 19 maggio 1292 nella sua città natale, Godric’s Hollow, fu sepolto sul sagrato presso la chiesa di San Girolamo.
Nel 1899, Gellert Grindelwald rimase con la sua prozia Bathilda Bath a Godric’s Hollow nel tentativo di ” esplorare il luogo in cui era morto il terzo fratello” mentre cercava i Doni della Morte.
Alla fine di dicembre 1997, Harry Potter e Hermione Granger si imbatterono nella tomba molto erosa di Ignotus Peverell , dove notarono che il segno dei Doni della Morte era inciso sotto il nome appena leggibile.

Per l’aneddoto, la Rowling ha informato di essersi ispirato a uno dei racconti di Canterbury per Il racconto dei tre fratelli: Il racconto del venditore di indulgenze.