Ecco perché Ian McKellen/Gandalf rifiutò la parte di Silente

Ecco perché Ian McKellen/Gandalf rifiutò la parte di Silente

Albus Silente, preside della scuola di Hogwarts nella saga di Harry Potter, è stato interpretato da Richard Harris nelle prime due trasposizioni cinematografiche. 
Non tutti però sono a conoscenza del fatto che quando l’originario interprete di Silente, Richard Harris, morì nel 2002, la Warner Bros. pensò bene di sostituirlo con Ian McKellen che, tuttavia, rifiutò immediatamente la parte.

Ecco perché Ian McKellen/Gandalf rifiutò la parte di Silente

Perché Ian McKellen rifiutò la parte?

Ecco com’è andata la storia:

““Mi hanno telefonato per chiedermi se fossi interessato a un ruolo nella saga di Harry Potter. Non mi avevano specificato il personaggio, ma l’ho capito subito, e onestamente non potevo ereditare la parte di un attore che sapevo non mi avrebbe mai approvato.

Qualche volta quando vedo i poster di Michael Gambon, che interpreta magnificamente Silente, penso di essere io. Sai, ci chiedono spesso l’autografo l’uno dell’altro!

Ecco perché Ian McKellen/Gandalf rifiutò la parte di Silente

Pare che in un’intervista Richard Harris definì Ian McKellen, insieme a Derek Jacobi e Kenneth Branagh attori “tecnicamente brillanti, ma senza passione”.

Insomma, non uno dei complimenti più affascinanti.

Inoltre, non è un segreto che Richard Harris non fosse dalla parte dei diritti degli omosessuali, mentre McKellen è un fervente sostenitore, che si dichiarò gay nel 1988.

La scelta della produzione allora cadde su Michael Gambon, che divenne Silente per il resto della saga.